Pubblicato il 1 commento

What Is Revenue Management?

Revenue Management, is the art of selling:

  • The right product;
  • To the right customer;
  • At the right price;
  • At the right moment.

Nowadays Revenue Management is often seen just as “opening & closing” rates and moving prices “up & down“.

We see several sponsored posts over the web enhancing the ability to higher the revenue by the “usual suspects” that promise percentage of increase, that try to enchant with secret potions that will make you the richest person you have ever dreamed of.

Actually, Revenue Management is not at all this;

Revenue Management is much more than this.

Revenue Management is actually a discipline that must be totally pursued by all Human Resources of the hotel, from the owner to the entire staff.

All Human Resources of the company are needed to be part of the Revenue Management process.

Let’s analyze the Revenue Management statement:

The right product

Very often the product itself is difficultly something to think about:

“you know we have rooms, we have bathrooms, we serve breakfast, that’s it!”

Have you ever asked yourself, which is the character of your product, can you describe it? What is the meaning of your product, what would you like to propose to the market? Are you always updated with the latest solutions that may generate a better product, that will be transformed in higher revenue?

To the right customer

Talking about segmentation, sometimes shows the same reaction that a cow has when a train passes by.

A lot of hoteliers to which I had the chance to talk to, does not have any clue on what a real segmentation means. Sometimes we could be lucky if we find two clusters: business and leisure!

Actually, if you created a product (It does not matter if it is a classical product or a high-tech product, if it is for young travelers, for families or for adults only), you should have thought about a “potential” customer to which your product could fit. Then start from here and define which are the right customers for your property and put them together in clusters with the same willingness to pay and buying habits.

At the right price

The most common mistake is generating a price based on what my next-door competitor does.

A pricing strategy is not based on the kind of clientele that goes to the hotel next door, but it is generated based on the product you have created referred to the cluster of customers to which you refer to.

To make this easier, a 5-star hotel refers to a different type of clientele versus a 1-star property, therefore the pricing strategy refers to the willingness to pay and to the buying habits your target clientele has in a particular moment.

And here it comes:

At the right moment

Bearing in mind the entire process: we have created a product for a specific target clientele that has a willingness to pay and a buying habit that is not 365 at the same level, therefore our studies over the guests must not ignore that habits may vary during different moments, as well as the needs of the target clientele may vary along the year.

To make Revenue Management easier to the new bees:

Revenue Management is not a matter of changing prices constantly, Revenue Management is discriminating the demand when this one is high, and not discriminating demand when this one is low. Based on demand that is generated by your target clientele.

Having understood the above, we do need tools that may help the entire process of discriminating demand, those tools are called Revenue Management Systems.

The question may come easily: why should we need to have systems?

The answer comes even more easily:

Rewind this page and start reading the article again!

We do strongly need tools because the needs of our “to the right customer”, may change and we do need to know these changes within the less time possible in order to act immediately and accommodate the new needs. We need the tools because of our “at the right price” we are in need of identifying any single signal that may vary the willingness to pay or the buying habits. We need the tools because of our “at the right moment” in order to capture the exact moment in which we can get the highest output from our product, from our customer and from the price they are willing to pay.

Remember that the speed a computer has to calculate an output may never be reached by a human brain, as well as the versatility and the capability of a human brain to perceive infinitesimal signals may never be reached by a computer.

So, now you have learned the difference between “doing” revenue management and “apply the discipline” of the Revenue Management.

Any question? please contact me at Riccardo@FORMAThospitality.com

FORMAT – ospitalità d’autore | Via dei Farnesi, 72 – Roma

T. +39 (06) 95.00.90.87

FORMAT - ospitalità d'autore

FORMAT – ospitalità d’autore is an hub of hospitality professionals

We provide fantastic solutions for the hospitality industry

  • Soffio di Stile – Home design Solution
  • OutPerform – RMS Solution
  • FORMAT VOX – Personal City Guide Solution
  • BeSafe Rate – InsureTech Solution
  • BeSafe Pay – Payment Gateway Solution
  • TimeToMind – Soft Skills Self Assessment Solution
  • HTLAPP – IPTV solution
  • Sweet Collection – Short Rental Solution
Pubblicato il Lascia un commento

Il nuovo riferimento per l’home staging

Francesca Pardo

Il nuovo anno è iniziato all’insegna dello stile e dell’home design ricercato e di livello.

Il prestigioso magazine internazionale “Beyond The Magazine” racconta l”ultima fatica di Francesca Pardo, raccontando le sue passioni e le sue realizzazioni, un passo in avanti con la creazione del brand “Soffio di Stile”, dedicato all’home staging residenziale ed extra-alberghiero. Qui di seguito, l’intero articolo. Buona lettura…e…Buon Anno Nuovo!

Francesca Pardo – Founder & Owner

Contatti: info@soffiodistile.it

Pubblicato il Lascia un commento

Roma vs Barcellona

InsideAirBnB è una fonte molto interessante di numeri da analizzare.

La guerra contro il modello AirBnB, si sta facendo sempre più aspra e si prevede che lascerà molti strascichi. Il decreto milleproroghe prevedeva l’inasprimento verso le locazioni brevi, ritirato all’ultimo minuto, in attesa di un intervento da parte del Ministro Franceschini. Giusto? Sbagliato? Non sta a noi dirlo, ma leggere i numeri permette di farsi una propria idea.

Uno dei cavalli di battaglia del “popolo contro“, chiede a gran voce di copiare le grandi città Europee che hanno già inasprito la regolamentazione degli affitti brevi. Vediamo cosa è successo dal 2017 al 2019 in una delle città bandiera della guerra contro il modello AirBnB.

Dallo specchietto qui sopra si evince che la presenza di strutture pubblicizzate su Airbnb a Barcellona è cresciuta del 15,8% tra il 2017 ed il 2019. Nello stesso periodo le strutture presenti su Roma sono diminuite del 2,40%.

L’elemento più significativo dell’analisi, elemento a cui occorrerà prestare attenzione nel prossimo futuro, è l’aumento delle camere di Hotel all’interno dei listing di AirBnB, segno tangibile di interesse verso il canale di vendita che propone la Community?

Mi piace chiudere, rubando una frase di Alberto Melgrati, amministratore delegato di Halldis: “Gli affitti brevi sono un’estensione del settore ricettivo, non sono in contrapposizione all’hotellerie, ma complementari.”.

Pubblicato il Lascia un commento

New entry nel mondo di Format – Ospitalità d’Autore!

VIMINALE HILL INN & HOTEL

Dario Restagno – titolare di Viminale Hill Inn & Hotel

Dario Restagno con la sua struttura Viminale Hill Inn & Hotel entra nel network di Format.

Il Viminale Hill Inn & Hotel è una splendida struttura nel cuore di Roma. Accolta in un palazzo del tardo ‘800 che si affaccia proprio sulla piazza del Teatro dell’Opera di Roma. I suoi arredi artigianali insieme con le docce emozionali con idromassaggio, cromoterapia sauna e bagno turco, creano quell’abbraccio confortevole che ci si attende al rientro da una lunga giornata di visite in giro per la città eterna.

Pubblicato il Lascia un commento

XTRA-ordinario – gestisci il tuo b&b nell’era del Turismo 4.0

Finalmente un evento di altissima formazione, dove comprendere come iniziare, migliorare e trarre il meglio dalla propria attività.

Scoprirai come intraprendere l’arte dell’accoglienza, attraverso il percorso di Format – Ospitalità d’Autore.

Imparerai a capire qual è la migliore soluzione in base ai tuoi obiettivi, capirai come entrare nel mercato dell’accoglienza, come dar valore al tuo prodotto, come distribuirlo e come identificare i tuoi clienti target e come guadagnare.

Un metodo semplice presentato da professionisti del settore che condivideranno con te i segreti per raggiungere il successo.

Ospitati nella splendida cornice delle nuovissime e tecnologiche sale riunioni dell’Hotel Simon di Pomezia, intraprenderemo il percorso Format, attraverso il quale emergere nel mercato dell’accoglienza.

L’evento è completamente gratuito, a brevissimo i link per la registrazione all’evento.

Pubblicato il Lascia un commento

FORMAT – Ospitalità d’Autore

FORMAT - Ospitalità d'Autore

Con un’esperienza di 30 anni nel settore turistico ricettivo da operatore prima e come studio di consulenza, gestione e formazione delle risorse umane, poi, ho predisposto un modello operativo di sviluppo dell’imprenditoria turistico ricettiva.

La scelta del nome:

FORMAT è un nome rievoca esattamente la mission.

È “FORmazione MAnageriale Turistica”, ma allo stesso tempo un modello, appunto FORMAT, operativo che si compone di fasi evolutive, accompagnando gli imprenditori ricettivi dall’idea alla realizzazione del progetto.

Ospitalità d’Autore, perché una volta realizzato il progetto, gli imprenditori sono seguiti nell’operatività quotidiana ricevendo know-how, strumenti e formazione continua per costruire la propria, unica:

Ospitalità d’Autore

Il modello si compone di 4 macro aree:

  • Purpose
  • Target
  • Action
  • Check

ognuna di queste aree racchiude in se dei processi attraverso i quali, una volta appresa la metodologia, l’imprenditore potrà utilizzare autonomamente.

il modello: FORMAT

FORMAT – Ospitalità d’Autore
è un prodotto di RCHS – Hospitality Service
www.rchs.eu | +39 348 9956059

Pubblicato il 2 commenti

Lo storytelling per rafforzare il brand – il caso delle “FREGNE”

È agosto e a Villalago, un paesino in provincia dell’Aquila, uno tra i Borghi più belli d’Italia, si festeggia l’estate con due splendide giornate caratterizzate dallo street-food.

Tantissimi espositori: un banco offre pizze fritte, in un altro si assapora una birra artigianale leggera ma corposa, dall’altra parte della piazza c’è un gazebo specializzato nella degustazione di olive ascolane, poi un grande spazio dedicato alle fritture di pesce, un delizioso tre ruote “Ape” allestito per proporre delle invitanti capresi, il banco degli arrosticini è uno dei più gettonati, ma si sa è piatto tipico di queste parti, ed alla sua destra troviamo un banco che propone delle simpatiche patate fritte ad elica, perfette per essere mangiate camminando.

Al centro della piazza c’è un furgoncino, di quelli che si aprono di lato ed appare magicamente un bancone. Vedo molto movimento intorno al punto vendita, molte persone che ridono e si divertono. Dentro ci sono tre persone, una ragazza in cassa, un uomo di spalle intento a lavorare ed una donna con un taglio di capelli particolare, a spazzola, metà neri e metà fucsia, proprio come il colore delle magliette che i tre indossano.

Mi avvicino e capisco perché gli avventori ridono e si divertono, in questo punto vendita si degustano “FREGNE”! Si hai letto bene: “FREGNE”!

Ovviamente ne ordino una, tra la vasta scelta che il banco propone: c’è la “viziosa”, la “lussuriosa”, la “rasata”, la “ngrifata”, in pratica ce n’è una per ogni gusto! All’occhio sembrano delle “normali” ciambelle fritte a cui i produttori hanno dato una forma particolare.

Sono troppo curioso, la mia è pronta, e scopro che non è proprio una ciambella a cui hanno cambiato forma, ma un impasto diverso, particolare. La curiosità è troppo forte, mi avvicino alla titolare, con un po’ di imbarazzo, perché Elena Iannone, ha un modo unico per intrattenere gli avventori mentre il loro ordine è in cottura: gioca con le parole, doppi sensi a non finire, sempre eleganti, mai volgari. La maestria nel gestire le parole e nel rispettare tutti, grandi e piccini.

La rubo per qualche minuto al suo show, Elena acconsente con simpatia, di tanto in tanto allontanarsi dalla bollente friggitrice, è un sollievo anche per lei.

Le chiedo di raccontarmi la sua storia.

Elena era titolare di una pasticceria gelateria, ha deciso per un periodo di cambiare strada, ma la passione per la cucina, più in particolare per la pasticceria, era troppo forte. Nel suo privato continuava a sperimentare, finché non è arrivata ad una ricetta, implementando un impasto già esistente. La prima frittura è rivelatrice, le appaiono per la prima volta quelle che saranno immediatamente battezzate: “FREGNE”.

Da qui i primi test alle feste patronali del suo Paese, un successo immediato! Anche i Paesi vicini la invitano, pian piano la voce si sparge, dal gazebo si passa al furgone, per essere più veloci e flessibili nei preparativi della linea di produzione.

Il successo è sudato. Sudato per via delle alte temperature dell’olio nella friggitrice, ma anche per via della sottile linea che divide il buon gusto dalla volgarità, ma loro sono bravi in questo.

Il brand prende piede e si rafforza, ora sono 9 anni che sono nel mercato. L’ingrediente segreto è semplice nella sua complessità: tanta simpatia unita ad una professionalità pasticciera di altissimo livello.

Le “Fregne” per Uccio De Santis

La prima cosa che viene alla mente è perché un nome così forte? La risposta è tanto semplice quanto non scontata: “Pensa se avessi scritto “Ciambelle”, quanti si sarebbero fermati a giocare insieme a noi con le parole mentre prepariamo le nostre specialità?”

In breve, Elena ha toccato l’immaginario dei suoi avventori, non solo maschietti, stimolando l’immaginazione anche attraverso i suoi racconti ed i doppi sensi, mantenendo la promessa di un prodotto ottimo, genuino ed unico.

Elena ha attivato dei meccanismi di comunicazione diretta con i propri avventori, scegliendo un canale distributivo che da un lato le permette di poter gestire la sua attività in modo più libero, dall’altro le permette di creare il suo pubblico, diverso di volta in volta, ma che raccoglie in un’adunata fatta di zucchero, crema pasticciera, amarene, pistacchi e doppi sensi sulla pagina facebook.