Pubblicato il 4 commenti

L’italica arte del lamento alla ricerca di un colpevole.

Questi anni di pandemia ci hanno insegnato, o almeno avremmo dovuto imparare, che nessun settore economico è impermeabile agli eventi.

Abbiamo imparato, con milioni di ore di dirette internet e webinar (e mi ci metto anche io con le mie) che il mondo è cambiato, ciò che abbiamo lasciato nel 2020 non è più attuale, non è replicabile, è storia!

Ma così come le migliori tradizioni, difficilmente si dimenticano alcune abitudini (che certi personaggi vogliono far passare come “confort zone”), anche la tradizione del lamentoso guaito e della spasmodica ricerca di un colpevole non ha perso la sua forza dirompente e “sfragola-gonadi”.

È qualche giorno che leggo in alcuni post il lamento di albergatori spiaggiati, di gestori ancorati al passato, di professionisti disillusi che, a forza di pacche sulle spalle l’un l’altro, godono immensamente nel cercare tra di loro chi è più bravo a tirare fuori numeri, prospettive e scenari catastrofici.

Ecco, io sono stanco di questo! Allora leggendo questi commenti mi sono ricordato di un film degli anni ’70 “Quinto Potere” dove l’anchorman Howard Beale nel suo migliore speech televisivo ricordava a tutti che se avessero voluto che qualcosa cambiasse dovevano in quel medesimo momento alzarsi aprire la finestra e gridare a squarciagola:

“Sono incazzato nero e tutto questo non lo accetterò più!”

Si! Non accetterò più di piangermi addosso, non accetterò più le negatività tese all’autodistruzione. Piangersi addosso è solo la scusa per non fare, la scusa per restare nel passato: “abbiamo fatto sempre così!”.

Vogliamo essere gli artefici del nostro futuro? Allora: “Sono incazzato nero e tutto questo non lo accetterò più!

La tendenza della domanda a Roma sta registrando una spinta positiva che indica ad una lenta, ma costante ripresa. Come tutti auspicavamo ed immaginavamo, le persone dopo 2 anni di segregazione nelle proprie case, nelle proprie città hanno voglia di ripartire, di viaggiare.

Il “bisogno” la “necessità” dell’essere umano, così come descritto da Maslow e nella sua accezione più moderna indica che tra i bisogni secondari, c’è quello di viaggiare.

Partendo da questo presupposto, viene alla luce la necessità oggettiva di un cambiamento rispetto all’offerta turistica conosciuta fino ad oggi (ad esempio della città di Roma), alla quale unire la conoscenza del mercato, dei mercati, di riferimento, che deve guidare le scelte individuali di azienda e più ampiamente le scelte di Governo delle destinazioni a ideare, creare e realizzare le risposte alle esigenze del turista, del viaggiatore.

Ancor prima di questo, mi piacerebbe, che l’italica arte del lamento alla ricerca di un colpevole, mutasse in consapevolezza delle nostre capacità delle nostre competenze, mutasse in consapevolezza della potenza turistica che il nostro bistrattato stivale ci regala ogni giorno e che milioni di turisti di viaggiatori, ambiscono a visitare almeno una volta nella loro vita.

I voli Alitalia di un tempo, si concludevano con una parola: “Arrivederci”. Cominciamo da qui cambiamo la parola ed iniziamo ad utilizzare:

Proviamo ad analizzare cosa è accaduto dal 1° gennaio al 16 marzo di quest’anno, come vediamo qui di seguito, il comportamento del prezzo su tutta la destinazione “Roma” è rimasto più o meno stabile segnando una tendenza di continuità.

Vediamo però, contrariamente al lamento ricorrente, che la tendenza della domanda disegna una linea in crescita costante, di certo lontana dai valori che avevamo imparato a conoscere, ma pur sempre in crescita.

Se imparassimo tutti a guardare sempre il bicchiere mezzo pieno, invece che mezzo vuoto, mantenendo sempre i piedi ben ancorati al terreno, diventeremmo persone, professionisti, imprenditori, cittadini migliori.

Benvenuti nel mio obiettivo post pandemia!

Sono incazzato nero e tutto questo non lo accetterò più!

Pubblicato il 2 commenti

Lo storytelling per rafforzare il brand – il caso delle “FREGNE”

È agosto e a Villalago, un paesino in provincia dell’Aquila, uno tra i Borghi più belli d’Italia, si festeggia l’estate con due splendide giornate caratterizzate dallo street-food.

Tantissimi espositori: un banco offre pizze fritte, in un altro si assapora una birra artigianale leggera ma corposa, dall’altra parte della piazza c’è un gazebo specializzato nella degustazione di olive ascolane, poi un grande spazio dedicato alle fritture di pesce, un delizioso tre ruote “Ape” allestito per proporre delle invitanti capresi, il banco degli arrosticini è uno dei più gettonati, ma si sa è piatto tipico di queste parti, ed alla sua destra troviamo un banco che propone delle simpatiche patate fritte ad elica, perfette per essere mangiate camminando.

Al centro della piazza c’è un furgoncino, di quelli che si aprono di lato ed appare magicamente un bancone. Vedo molto movimento intorno al punto vendita, molte persone che ridono e si divertono. Dentro ci sono tre persone, una ragazza in cassa, un uomo di spalle intento a lavorare ed una donna con un taglio di capelli particolare, a spazzola, metà neri e metà fucsia, proprio come il colore delle magliette che i tre indossano.

Mi avvicino e capisco perché gli avventori ridono e si divertono, in questo punto vendita si degustano “FREGNE”! Si hai letto bene: “FREGNE”!

Ovviamente ne ordino una, tra la vasta scelta che il banco propone: c’è la “viziosa”, la “lussuriosa”, la “rasata”, la “ngrifata”, in pratica ce n’è una per ogni gusto! All’occhio sembrano delle “normali” ciambelle fritte a cui i produttori hanno dato una forma particolare.

Sono troppo curioso, la mia è pronta, e scopro che non è proprio una ciambella a cui hanno cambiato forma, ma un impasto diverso, particolare. La curiosità è troppo forte, mi avvicino alla titolare, con un po’ di imbarazzo, perché Elena Iannone, ha un modo unico per intrattenere gli avventori mentre il loro ordine è in cottura: gioca con le parole, doppi sensi a non finire, sempre eleganti, mai volgari. La maestria nel gestire le parole e nel rispettare tutti, grandi e piccini.

La rubo per qualche minuto al suo show, Elena acconsente con simpatia, di tanto in tanto allontanarsi dalla bollente friggitrice, è un sollievo anche per lei.

Le chiedo di raccontarmi la sua storia.

Elena era titolare di una pasticceria gelateria, ha deciso per un periodo di cambiare strada, ma la passione per la cucina, più in particolare per la pasticceria, era troppo forte. Nel suo privato continuava a sperimentare, finché non è arrivata ad una ricetta, implementando un impasto già esistente. La prima frittura è rivelatrice, le appaiono per la prima volta quelle che saranno immediatamente battezzate: “FREGNE”.

Da qui i primi test alle feste patronali del suo Paese, un successo immediato! Anche i Paesi vicini la invitano, pian piano la voce si sparge, dal gazebo si passa al furgone, per essere più veloci e flessibili nei preparativi della linea di produzione.

Il successo è sudato. Sudato per via delle alte temperature dell’olio nella friggitrice, ma anche per via della sottile linea che divide il buon gusto dalla volgarità, ma loro sono bravi in questo.

Il brand prende piede e si rafforza, ora sono 9 anni che sono nel mercato. L’ingrediente segreto è semplice nella sua complessità: tanta simpatia unita ad una professionalità pasticciera di altissimo livello.

Le “Fregne” per Uccio De Santis

La prima cosa che viene alla mente è perché un nome così forte? La risposta è tanto semplice quanto non scontata: “Pensa se avessi scritto “Ciambelle”, quanti si sarebbero fermati a giocare insieme a noi con le parole mentre prepariamo le nostre specialità?”

In breve, Elena ha toccato l’immaginario dei suoi avventori, non solo maschietti, stimolando l’immaginazione anche attraverso i suoi racconti ed i doppi sensi, mantenendo la promessa di un prodotto ottimo, genuino ed unico.

Elena ha attivato dei meccanismi di comunicazione diretta con i propri avventori, scegliendo un canale distributivo che da un lato le permette di poter gestire la sua attività in modo più libero, dall’altro le permette di creare il suo pubblico, diverso di volta in volta, ma che raccoglie in un’adunata fatta di zucchero, crema pasticciera, amarene, pistacchi e doppi sensi sulla pagina facebook.