Ieri, oggi…é domani!

Per cercare di mantenere la mente in equilibrio e quindi provare ad essere razionali, occorre bilanciare gli “attacchi” esterni (news, social media, debolezze individuali, ecc.), con auto medicina positiva.

Il pensiero razionale, proviene da un approccio asettico alla tematica, vedendo la situazione da una prospettiva esterna.

In questo caso non può esistere un approccio asettico, in quanto tutto siamo coinvolti direttamente.

Occorre quindi, per autodifesa, bilanciare gli stati emotivi con delle forzature.

Occhio alle trappole mentali.

I 3 approcci che si stanno registrando in questi giorni:

– realista: questo status è a rischio di trappola mentale, il realismo, per essere reale deve essere supportato da dati inconfutabili e provabili in diversi stati ambientali;

⁃ pessimista: questo status è molto deleterio e innesca una prospettiva altamente alterata della realtà, è l’anticamera della depressione se non supportato da aiuti individuali od esterni;

⁃ ottimista: questo status è anch’esso pericoloso e a rischio di trappole mentali, in quanto genera stadi di onnipotenza ed altera la realtà del momento e del luogo.

Oggi la vera sfida è bilanciare il proprio status tra quelli appena visti, alimentando la nostra mente costantemente in modo da non soccombere.

18 mesi fa crollava il Ponte Morandi a Genova:

⁃ i realisti prevedevano la sua ricostruzione in almeno 20 anni;

⁃ i pessimisti dicevano che non lo avrebbero mai ricostruito;

⁃ gli ottimisti cercavano strade e percorsi alternativi.

Chi invece è restato con i piedi a terra ha permesso, bilanciando i tre status mentali, di arrivare ad oggi e programmare la sua inaugurazione il prossimo Maggio.

Altro esempio: vediamo cosa accade con la creazione, dal nulla, di posti letto in terapia intensiva, o la creazione di ospedali ad hoc, per rispondere alle esigenze immediate.

Nel nostro lavoro ci hanno insegnato sempre a sorridere, riscopriamo questo meraviglioso atto di rispetto nei nostri confronti e nei confronti di chi ci è vicino.

Restiamo quindi con i piedi ben saldi a terra, preparandoci a costruire il ponte che ci collegherà al futuro!

Avete rotto il cazzo!!

Tanti di noi, in ogni settore economico, hanno la responsabilità nei confronti di tutti coloro i quali li seguono, negli scritti, nelle posizioni, nelle idee, negli interventi.

Una responsabilità oggettiva nell’essere, volenti o nolenti, dei riferimenti, a volte delle guide, spesse volte degli esempi.

Oggi questa responsabilità assume un valore ancor più grande, ancor più importante!

Siamo coscienti, ormai, della difficoltà di questi momenti, siamo coscienti di dover affrontare un nemico che non abbiamo mai affrontato, siamo coscienti che probabilmente la strada è ancora lunga.

Negli anni ‘60, Karl Popper analizzava l’esigenza dell’essere umano nel dover trovare un “colpevole”, un “capro espiatorio”.

La natura, troppo spesso reale, dell’essere umano, di essere individualista, egocentrico, in questi momenti, soprattutto in alcuni cosiddetti “opinion leader”, muta e lo rendono bisognoso della necessità impellente di dover deviare momentaneamente l’attenzione dall’ “io” per concentrarsi sul pessimismo catastrofico.

Ma questo comportamento sociale, in realtà nasconde un forte attaccamento all’ “io”, perché tende ad aggredire la sensibilità del prossimo più debole ovvero “follower”, nei suoi angoli più deboli, che richiamano proprio l’esigenza umana di trovare il capro espiatorio, cercando quindi di far breccia cercando di aumentare l’autorevolezza nei confronti di questi, che ignari, ne riconoscono il valore, incensandone i comportamenti, le posizioni, le indicazioni. Non comprendendo di essere solo degli strumenti nelle mani di questi.

I “seguaci”, quindi, trovano riscontro emotivo a questa esigenza temporanea.

Riscontro emotivo che altro non è che un palliativo che soddisfa temporaneamente gli animi, ma che apre le porte a pessimismo profondo, che indirizza verso una depressione distruttiva.

La creazione, nel prossimo, di quel senso di sconfitta, riporta alla fonte generatrice, quel senso di autorevolezza effimera che trasuda ignoranza tangibile, mascherata da conoscenza e competenza, ma che ha fondamenta che affondano nella sabbia.

Quindi:

AVETE ROTTO IL CAZZO!!

La missione di chi ha 10, 100, 1000…seguaci, follower, lettori – chiamateli come volete – è quella di iniettare un ottimismo consapevole, una speranza, un pensiero positivo.

Per semplicità è il compito che permette chiaramente di evidenziare e rendere visibile una flebile luce che si intravede in fondo al tunnel. Si perché ogni tunnel, anche il più lungo, ha un’uscita!

La prima e più forte “medicina” tesa ad alzare le difese immunitarie è il pensiero positivo e consapevole.

Prendiamo spunto da tutti quei filmati che abbiamo visto in questi giorni, dove il Popolo Italiano, ha dato il meglio di se, affrontando la crisi con uno spirito positivo.

Regaliamoci, in questi giorni di “reclusione forzata”, qualche ora al giorno dedicata alla distrazione, alla manualità, alla creatività.

Abbiamo imparato, in questi giorni, a riconoscere degli angeli, che chiamiamo eroi.

Questi angeli altro non ci chiedono che di seguire le indicazioni che ci vengono date, indicazioni che, se seguite, renderanno più corto il tunnel che stiamo percorrendo, che illuminerà sempre più forte la sua fine, la sua uscita.

Questa ci rivelerà un futuro da ridisegnare ancor più bello di prima perché consapevole di alcune nostre nuove debolezze che abbiamo imparato a governare!

Siamo Italiani!

In questi giorni difficili, ci viene richiesto di restare a casa per contenere la diffusione del virus. Nessuno può esimersi dal dare il proprio contributo, restando a casa.

Questo però non deve in nessun modo fermare tutto.

I nostri partner ci hanno scelti non solo per i momenti floridi, ma soprattutto per i momenti di difficoltà.

Noi di Format – Ospitalità d’Autore ci siamo! Siamo in prima linea con i nostri partner per affrontare il presente, programmando il futuro.

Chi come noi si occupa anche di previsioni e forecast, sa che mai quanto ora, sia necessario e vitale programmare il futuro, in base ai dati che abbiamo oggi, in funzione dell’attuale fotografia e delle attuali aspettative ed indicazioni.

La situazione è difficile, ma non impossibile. Al momento abbiamo le istruzioni: seguiamole!

Stiamo dimostrando, con le nostre ataviche contraddizioni, di essere un popolo che è in grado di istruire gli altri popoli con le proprie azioni, con le proprie reazioni, con la grande consapevolezza dei nostri punti di forza, che sono invidiati dagli spocchiosi cugini “nose-up”, che sono sognati dagli omertosi “crucchi”, che sono inarrivabili per quella “perfida albione” capace solo di rubare le risorse altrui, fregandosene del proprio popolo, equiparandolo ad un gregge per sperare nella sopravvivenza.

E allora avanti tutta!

Siamo maestri nell’arte della resilienza, siamo quell’araba fenice invidiata in tutto il mondo.

Mettiamoci quindi spalla a spalla (almeno ad 1 metro di distanza gli uni dagli altri) vicini a chi ha necessità di supporto, vicini a chi non vuole soccombere,vicini a chi vuole essere sempre pronto e partire per primo dopo che la “safety-car” rientrerà nei box e l’incredibile scenario apocalittico di oggi sarà solo un brutto ricordo, da non dimenticare e dal quale ricominciare

“RITIRATEVI, DIMOSTRATEVI UOMINI E DOMANI ROMA (l’Italia) RINASCERÀ PIÙ BELLA E PIÙ SUPERBA CHE PRIA…”

da: “Nerone” di Ettore Petrolini

#CORONAVIRUS: Ricomincio da tre!

Ricomincio da tre è un film del 1981 diretto ed interpretato da Massimo Troisi

Da qualche giorno siamo in guerra!

La guerra è contro un temibile virus che sta generando psicosi incontrollate in qualsiasi parte del mondo. Non ho la presunzione di dare delle ricette o delle date o delle soluzioni. Queste le lascio agli esperti.

Leggo un po’ ovunque un pessimismo estremista che non prospetta nulla di buono, ma vede soltanto l’inizio della fine.

Hanno iniziato i telegiornali, seguiti a ruota dai quotidiani, hanno fatto degli speciali in TV o su canali youtube, hanno invaso i social media, seminando pessimismo cosmico, che al confronto il buon Leopardi era un pivello!

Sia ben chiaro, qui non si cerca di fare gli struzzi, la drastica diminuzione di turisti è sotto gli occhi di tutti, le cancellazioni anche e soprattutto le previsioni non sono al momento positive.

Roma – Feb 2019 vs Feb 2020 source STR Global

Nel grafico si vede il tracollo dell’occupazione degli alberghi di Roma nel mese di Febbraio 2020 a confronto con il mese di Febbraio 2019. Da notare l’andamento “prudente” nella prima fase del periodo analizzato e la drastica diminuzione negli ultimi giorni del mese, ovvero quando si è cominciato a registrare un aumento dei casi ufficiali in Italia.

Vorrei poter guardare al problema da una prospettiva diversa, da una prospettiva che vede una luce in fondo al tunnel.

Mi piacerebbe quindi dare una mia visione del futuro del mondo dell’ospitalità ricettiva.

RICOMINCIA DA 3

  • MANUTENZIONE

Quante volte capita che vorresti pianificare degli interventi abbastanza approfonditi, ma le fluttuazioni di domanda non ti permettono di avere il tempo necessario per poter completare alcuni lavori? Quante volte capita che ti arrabbi per aver ricevuto una recensione che sottolinea un po’ di trascuratezza della struttura?

Ora ne hai l’opportunità, hai il tempo necessario per sistemare quelle tubazioni in quella camera che assegni sempre per ultima, così cerchi di limitare le recensioni brutte, hai l’opportunità di riverniciare quella parete dove sbattono sempre con i bagagli.

  • FORMAZIONE

Uno degli aspetti più affascinanti del nostro mondo, è che muta continuamente, si perfeziona, si alimenta con nuove tecnologie e nuove discipline. Così come per ogni settore, la formazione gioca un ruolo fondamentale per poter essere sempre competitivi e soprattutto poter rispondere alle esigenze dell’ospite.

Ecco un’altra opportunità, approfitta di questo tempo per formarti, analizza gli ambiti dove hai l’esigenza di migliorare. Cerca la tematica più adatta al tuo lavoro e mettiti alla ricerca di corsi di formazione o di coach che ti possano permettere, nei tempi giusti, di colmare le lacune.

  • PREZZO

Sono diversi anni che si assiste “impotenti” al ribasso indiscriminato delle tariffe di vendita, hotel 5 stelle si vendono a 39,00 euro, hotel a 3 stelle si propongono alla vendita a 11,00 euro. La “guerra degli stracci” ha innescato un meccanismo vizioso di corsa al ribasso con l’effetto dei vasi comunicanti, il tutto a beneficio di un mercato potenzialmente florido, il quale si è abituato ad acquistare sempre più sotto data visto il trend ormai consolidato di partire da tariffe più elevate sul lungo periodo per poi “sbragarle” sotto data per via della “panic strategy”. Si è sempre alla continua ricerca di un colpevole e non si fa nulla per uscire da questo vortice al ribasso. Ci si lamenta sempre che le tariffe medie di Parigi, Berlino o di altre Capitali Europee sono sempre più alte delle nostre.

Abbiamo ora l’opportunità di riprenderci il posto che abbiamo volontariamente abbandonato da anni. Quando i nuovi flussi turistici riprenderanno il loro normale andamento, facciamoci trovare “lavati e pettinati”, abbiamo rimesso in ordine le strutture, siamo diventati ancor più professionisti, è quindi il momento di riprendere il nostro posto nel mondo turistico ricettivo, proponendo tariffe all’altezza di una destinazione come l’Italia, che non scordiamo, è la meta più ambita da milioni di viaggiatori nel mondo!

Fai come me: RICOMINCIA DA TRE!!!

Il profumo dei soldi!

Si sa la tecnologia, come ogni evento modificatore delle abitudini umane, può essere come la mano di Mario Brega: “piuma o ferro”!

Oggi non vi racconteremo delle opportunità, delle semplificazioni, della condivisione, non vi parleremo degli aspetti positivi dell’evoluzione tecnologica. Vi parleremo di come ogni attività che coinvolge l’essere umano può essere convertita in un pericolo, in una truffa, in un delitto.

Siamo ormai avvezzi nel ricevere la mail del Direttore Finanziario che ci propone di “diventare erede unico” di quel poverino che è mancato e che ci donerebbe 50.000.000€, solo perché il nostro cognome è uguale a quello del fantomatico de cuius. Stavamo imparando a prendere le misure da chi ci offrirebbe fantastici guadagni con il trading online, ed ecco che, tutto d’un tratto, arriva la nuova “genialata”!

La novità arriva tramite “Home Away”, ma sia chiaro il sistema che offre la distribuzione online dello short rental non c’entra nulla, è solo un mezzo inconsapevole.

Arriva una bellissima ed allettante richiesta, attenzione è una richiesta e non una conferma di prenotazione! La conferma presuppone un pagamento parziale o totale anticipato.

Rispondiamo, felicissimi di aver riempito quelle date che altrimenti ci sarebbero rimaste “sul groppone”, con un bellissimo messaggio di benvenuto.

Dopo qualche giorno, dopo aver bloccato la vendita delle date richieste per non incorrere in sovrapposizioni, arriva la conferma di Smith e Lisa, che vorrebbero confermare!

Siamo felici: hanno scelto noi! Partono quindi i pensieri positivi, abbiamo “riempito” ad una bella tariffa!!

Ma leggendo attentamente, ecco qualche punto che ci fa riflettere.

Ci chiedono di fare una prenotazione diretta bypassando il sistema, e allora ci gasiamo ancora di più! Risparmiamo le commissioni!! Yeah!!

Ma poi, ecco, l’amo del profumo di denaro facile è lanciato (ma ancora non lo vediamo), siamo gasatissimi! Ma che ne sa Robert Crandall della nostra fantastica modalità operativa, lui era un dilettante!!

I nostri Smith e Lisa vorrebbero pagarci in loco e con un assegno!

Allettati dal profumo dei soldi, non vediamo la truffa dietro l’angolo: assegni scoperti, magari assegni con importi più elevati riempiti erroneamente e dei quali ci viene richiesta la differenza in contanti.

Occhio ragazzi che le sirene di Scilla e Cariddi raccontate da Omero, oggi cantano nel mare del web!

Giovani senza lavoro o senza fame?

E’ sempre istruttivo vedere come si gioca con il futuro delle nuove generazioni.

Prima si piange in diretta e si dice ai ragazzi di non essere “choosy“.

Poi si comprende l’importanza dell’avvicinamento tra il mondo dell’istruzione e quello del lavoro, creando i presupposti di “Alternanza Scuola-Lavoro” che con la Legge 107 del 13/07/2015, del governo Renzi, si indica di svolgere per “almeno” 200 ore per i Licei e 400 ore per gli Istituti Tecnici e Professionali nel triennio finale.

Passa poi la palla al primo governo Conte che con la finanziaria 2019 cassa l’opportunità dei giovani che vedono con la nota 3380 del 08/02/2019 del MIUR scendere a 90 ore per i Licei, 150 ore per gli Istituti Tecnici e 210 ore per gli Istituti Professionali, le ore minime di Alternanza Scuola-Lavoro.

Stamane il Sottosegretario allo Sviluppo Economico Alessia Morani, pone l’accento sull’importanza dell’Alternanza Scuola-Lavoro: “Occorre fare un grande investimento in tutto quello che è Alternanza Scuola-Lavoro.“, e continua: “Occorre riallineare le competenze in uscita dalla Scuola con quelle in entrata nel mondo del Lavoro.

video di MediasetPlay – Mattino5

E quindi continueremo a chiederci il perché dei cervelli in fuga, dandoci però delle “paraculissime” pacche sulle spalle quando poi 3 Donne: Maria Rosaria Capobianchi, Francesca Colavita e Concetta Castilletti, ricercatrici presso l’Ospedale Spallanzani di Roma, isolano per prime in Europa il corona virus.

Ad ogni modo, per voi giovanotti choosy, tanto lazy e molto skazzy…state tranquilli che ci sono tante opportunità in stage…

Photocopy Manager in action

L’Evento dei Numeri 1

La strada verso il successo nel mondo ricettivo extra-alberghiero.

  • Francesco Maria D’Apuzzo – #1 nel trading extra-alberghiero
  • Fabio Brusco – #1 nel real estate extra-alberghiero
  • Riccardo Cocco – #1 nell’ottimizzazione dei profitti

Durante l’evento si scopriranno i segreti del trading, vedremo quali sono i parametri per valutare una struttura, ci si muoverà nei meandri dei contratti e delle normative, si studieranno le modalità per creare un prodotto in base alle aspettative del mercato, si comprenderà come si definisce il prezzo e l’importanza delle recensioni.

per maggiori informazioni e per la tua prenotazione

CONTATTACI

REGALO PER TUTTI GLI ISCRITTI ALL’EVENTO

Eh si! Tutti gli iscritti avranno in regalo:

  • Sconto del 50% sulle commissioni BeSafe Rate per 3 mesi!
  • Buono Sconto sul canone di Chekin

Roma vs Barcellona

InsideAirBnB è una fonte molto interessante di numeri da analizzare.

La guerra contro il modello AirBnB, si sta facendo sempre più aspra e si prevede che lascerà molti strascichi. Il decreto milleproroghe prevedeva l’inasprimento verso le locazioni brevi, ritirato all’ultimo minuto, in attesa di un intervento da parte del Ministro Franceschini. Giusto? Sbagliato? Non sta a noi dirlo, ma leggere i numeri permette di farsi una propria idea.

Uno dei cavalli di battaglia del “popolo contro“, chiede a gran voce di copiare le grandi città Europee che hanno già inasprito la regolamentazione degli affitti brevi. Vediamo cosa è successo dal 2017 al 2019 in una delle città bandiera della guerra contro il modello AirBnB.

Dallo specchietto qui sopra si evince che la presenza di strutture pubblicizzate su Airbnb a Barcellona è cresciuta del 15,8% tra il 2017 ed il 2019. Nello stesso periodo le strutture presenti su Roma sono diminuite del 2,40%.

L’elemento più significativo dell’analisi, elemento a cui occorrerà prestare attenzione nel prossimo futuro, è l’aumento delle camere di Hotel all’interno dei listing di AirBnB, segno tangibile di interesse verso il canale di vendita che propone la Community?

Mi piace chiudere, rubando una frase di Alberto Melgrati, amministratore delegato di Halldis: “Gli affitti brevi sono un’estensione del settore ricettivo, non sono in contrapposizione all’hotellerie, ma complementari.”.

Big B.com Bug!

È notizia di pochi minuti che la extranet di BigB ha un bug importante rispetto alla tassa di soggiorno, che non viene mostrata al cliente in fase di prenotazione.

Occorre verificare le singole prenotazioni per scoprire quali sono state “buggate”.

Da BigB garantiscono una soluzione veloce alla problematica.

New entry nel mondo di Format – Ospitalità d’Autore!

VIMINALE HILL INN & HOTEL

Dario Restagno – titolare di Viminale Hill Inn & Hotel

Dario Restagno con la sua struttura Viminale Hill Inn & Hotel entra nel network di Format.

Il Viminale Hill Inn & Hotel è una splendida struttura nel cuore di Roma. Accolta in un palazzo del tardo ‘800 che si affaccia proprio sulla piazza del Teatro dell’Opera di Roma. I suoi arredi artigianali insieme con le docce emozionali con idromassaggio, cromoterapia sauna e bagno turco, creano quell’abbraccio confortevole che ci si attende al rientro da una lunga giornata di visite in giro per la città eterna.